Custom Joomla Theme by FatCow.com

L'EMERGENZA SANGUE SI COMBATTE DONANDO TUTTI E CON REGOLARITA

Famiglia BENVENUTO- Famiglia BENVENUTO-

Anche in piena estate l'Avis di Soverato non va in vacanza e, oltre alla quotidiana attività di volontariato, nel corrente mese, dopo la giornata di raccolta straordinaria del 12 scorso,  ha organizzata nella mattinata odierna (domenica 28 agosto)  un’altra raccolta dimostrando, così, il  forte impegno civile e la solidarietà nei confronti di tutti quei pazienti bisognosi di trasfusioni. La malattia purtroppo non va in vacanza! Va evidenziato che tanto importante impegno civile svolto dall’Avis sul territorio dei quattro comuni di pertinenza (Davoli - San Sostene – Satriano - Soverato) non sarebbe possibile senza il motore trainante costituito dai numerosi donatori che, sistematicamente e puntualmente, vengono in sede e nei punti di raccolta ospitanti le autoemoteche per donare.
La raccolta odierna, sia pure  programma nel calendario annuale delle donazione è coincisa in un particolare momento in cui la sensibilità alla solidarietà in generale e alla raccolta sangue in particolare è fortemente avvertita dalla stragrande maggioranza delle persone in virtù delle forti emotività scatenate dal terremoto che ha devastato diversi centri urbani dell’Italia centrale.

Numerose sono state  nei giorni scorsi le richieste di informazioni circa la possibilità di donare sangue, domande che ci hanno dato la possibilità di reiterare agli interlocutori  l’invito a diventare donatori periodici e associati  in quanto il bisogno di sangue non cala mai e diviene di fondamentale importanza donare tutti e con regolarità per garantire la disponibilità di sangue in ogni momento e ovunque. Il nostro invito non è stato vano dal momento che oggi si sono presentati 50 volontari di cui 9 alla loro prima volta. Non tutti hanno potuto donare, 13 volontari, di cui 5 alla prima donazione, sono stati dichiarati temporaneamente inidonei alla visita medica che precede sempre la donazione, dal dott. Antonio Nisticò; niente di grave, solo inidoneità temporanea e quindi invitati a ripresentarsi alle prossime giornate di raccolta per assolvere al grande gesto della donazione di sangue, momento prevalentemente vissuto oltre che come  sentimento e gesto di solidarietà verso chi ha bisogno soprattutto quale occasione di impegno civico che dovrebbe entrare intensamente nel bagaglio ideale di ogni buon cittadino.

Un grazie all’intera famiglia BENVENUTO, papà  Emanuele, mamma Rosella e due figli Francesca e Michele, che hanno partecipato alla donazione odierna, ma un doveroso ringraziamento va a tutti i partecipanti e un benarrivato nella grande famiglia Avis a Giovanni, Vincenzo, Francesca  e Vitaliano,  quattro giovani che hanno donato per la prima, un impegno che certamente continueranno in futuro con la stessa determinazione mostrata questa mattina.

Grazie a Giuseppe Basile e Gianna Flematti, volontari Avis che hanno ben organizzato la giornata assieme al presidente Rocco Chiaravalloti e coadiuvati da Emilia Vatrella volontaria del Servizio Civile Nazionale.

Nel corso della mattinata è stata gradita ospite la prof.ssa  Gisella Cristofaro, presidente provinciale Catanzaro GADCO (Gruppo Avis Donatrici Cordone Ombelicale) per sensibilizzare e promuovere la donazione del sangue del cordone ombelicale, un’altra forma di donazione che le donne  possono fare al momento del parto, in assoluta sicurezza,  senza rischi per sé e per il nascituro e dando qualcosa che andrebbe a fine nei rifiuti speciali si dà la possibilità ad altri di guarire da gravissime e mortali malattie.

A fine giornata le sacche raccolte sono state 37 prontamente trasferite come da prassi al Centro Trasfusionale di Catanzaro per i successivi controlli e messi a disposizioni degli ammalati.

Prossimo appuntamento, un’altra giornata di raccolta sangue, a Davoli Marina, domenica prossima 4 settembre;  l’autoemoteca stazionerà nel cortile parrocchiale dalle ore 7,30 alle 11,30.-